Risorse

Divertiti a cercare tra le risorse gratuite selezionate per i bambini.Continua...

Lavagne per disegnare

Tante risorse freeby per disegnare e sperimentare.Continua...

Tutorial grafica

Tanti piccoli tutorial semplici sulla grafica pensati per i bimbi Continua...

Fiabe

Fai conoscere al tuo bambino le fiabe classiche ed entra nel magico mondo in punta di piedi. Continua...

sabato 8 marzo 2014

E tutti vissero felici e contenti...

Qualcuno potrebbe asserire che la parte più intrigante del genere fiabesco venga frettolosamente conclusa con il leitmotiv "E tutti vissero felici e contenti" e non si sa nulla di come infine si attui il grandioso progetto di essere felici e contenti, dando per scontato il "per sempre".

In realtà la parte precedente delle fiabe esamina in modo molto approfondito tutti gli aspetti dell'Amore e di come si possa riuscire ad affrontare i problemi e gli ostacoli della vita. Con ampi riferimenti a tutte le possibilità e sostenendo la forza interiore, la stima di se stessi e l'incredibile aiuto dell'intuito nel presagire e riconoscere le trappole ed esserne in grado di starne alla larga.

Esempi ce ne sono in ogni singola fiaba e anche su molteplici aspetti su ciò che la vita ci offre e ci toglie. Sulle capacità di recupero e di rinascita. Sugli aspetti orridi e ambigui: la fiaba non lascia intendere, ma promette soluzioni e conduce alla verità.
E non sto esagerando. La lettura delle fiabe ai bambini permette loro di acquisire un potenziale nascosto, semplice ma essenziale per affrontare il dolore e la sofferenza, per essere certi che avrà fine e le porte della felicità saranno aperte a tutti, se si saprà camminare dritti per la propria strada, annusando i pericoli ed evitandoli come i lupi nel bosco quando fieri si addormentano alla fine di una lunga giornata.

Non c'è fiaba che si scordi di riproporre un tema ricorrente come un filo conduttore che salva e ci porta per mano verso il tesoro nascosto, che ci libererà e ci arricchirà allo stesso tempo.

Il tesoro non sono solo le monete d'oro, la sposa più bella, il ricco castello, il principe azzurro.. ma l'accettazione di se stessi e l'accoglimento di tutto il nostro essere, anche le parti più nere di cenere che verranno amate dal vero compagno di vita. Cenerentola si mostra vestita di stracci e ricoperta di cenere quando il principe arriva in casa a farle provare la scarpetta, non la vedrà bella e ben vestita, ma nelle sue sembianze più semplici e umili, perfino brutte.
Egli l'ha vista nella sua bellezza interiore oltre che nel suo aspetto fisico e la scarpetta che calza a pennello rappresenta anche il frutto dell'Amore, il dono dell'affetto reciproco senza incoerenze. Chi cerca di forzare la scarpa, sta fingendo di essere ciò che non è. Solo chi è onesto puo' riuscire a calzare la scarpetta, chi non cerca una taglia non sua.
Quante volte nella vita di coppia l'altro tenta di cambiarci per farci collimare con un ideale di persona che non corrisponde a noi stessi!?!
Quanto sarebbe bello se l'altro ci amasse nella nostra interezza anche ricoperti di cenere...
La fiaba è un inno alla donna, è un baule di informazioni per mettersi in salvo sempre. Cappuccetto Rosso tanto amata dai bambini della scuola materna è una bimba, ma il suo nome non fa intravedere un lato femminile; Cappuccetto Rosso è al maschile, forse per far intendere che le paure e le insidie sono per entrambi i sessi. Purtroppo la cronaca è piena di funesti episodi in cui bambini sono soggetti a manipolazione. Le fiabe potrebbero aiutarli?
Perché no.. Leggiamogliele e facciamo in modo che entrino a far parte del loro vissuto. Non temiamo le parole, perché i fatti sono peggiori.
Diamo loro gli strumenti per capire in tempo. Per saltare gli ostacoli, stringere gli occhi e farsi domande e avere le risposte nell'anima.

Barbablu è accanto a noi, sa destreggiarsi con le parole, sa fingere di amare, nonostante l'aspetto inquietante che viene immediatamente notato dalle sorelle maggiori della protagonista della fiaba, impone dei limiti, vietando proprio l'apertura della porta che nasconde la verità sulla sua persona.
E' verosimile che un vero manipolatore sappia lusingare e ammaliare la ragazza più sprovveduta, senza far nutrire inizialmente nessun sospetto. Ma alla fine della fiaba, con la distruzione totale del male, la fanciulla capisce che in caso di bisogno non si deve vergognare, ma chiedere aiuto. La fiaba anche in questa occasione insegna a manifestare i propri disagi e allora i fratelli arrivano di corsa e salvano! Annientando per sempre il male e liberando da un amore-prigione.

E quante volte nella vita di coppia si potrebbe ripensare a questa fiaba.. e non credere a parole che non corrispondo ai fatti!?!  A fare un passo indietro quando "c'è qualcosa che non quadra?"

Ecco allora che la fiaba ci risparmia dettagli e passa al nucleo, al centro del discorso! Custode dei segreti della terra e del futuro.


Immagini link credito: Wikipedia - Immagini di Richard Wagner's Das Rheingold. Gustave Doré's Cendrillon.

4 commenti:

tiziana m. ha detto...

Esatto , quando si dice che le fiabe non sono solo per bambini. Bello e profondo il tuo modo di analizzare e trovare analogie nella vita quotidiana. Complimenti

Blogghidee - Ximi - ha detto...

Grazie Tiziana :) mi fa molto piacere il tuo commento.
Benvenuta nel mio mondo di fiabe.. :) :) :)

Marco Lazzara ha detto...

Quanti spunti di riflessione (psicologica) danno le fiabe!

Blogghidee - Ximi - ha detto...

Marco, verissimo! E la cosa piu' bella e al tempo stesso strana e' quanto racconti ad ogni rilettura! Quanto parlino per noi cio' che cancelliamo o ricordiamo in modo variato dall'originale :)

Posta un commento

 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...